Centro Benessere Napoli

Tutti i pro e i contro del retinolo

Diciamoci la verità: oramai Google è la nostra enciclopedia a portata di mano.

Quante di voi hanno trovato nella parola “retinolo” la risposta alle proprie domande riguardanti segni dell’invecchiamento sulla pelle oppure cute secca/grassa/desquamata?

Oggi è l’ingrediente “trendy” deputato a risanare le nostre rughe d’espressione e la luminosità del nostro viso; ma di cosa si tratta esattamente?

Retinolo: la Vitamina A, miracolosa per tutti i tipi di pelle

Come la Vitamina H – indicata per la salute di unghie e capelli – è chiamata anche “biotina“, la A, invece, prende il nome di “retinolo“.

Si tratta di una vitamina liposolubile, presente in natura in diversi alimenti (carne bovina, latticini, uova, carote, zucca ed altri frutti ed ortaggi “arancioni”, banane, peperoni, spinaci etc) ma assumibile anche attraverso cosmetici con una formulazione dedicata o integratori. Occhio, però, perché la sua natura non idrosolubile la colloca disciolta nella parte grassa degli alimenti: non bisogna mai, quindi, eccedere nell’assunzione perché, a differenza di altre vitamine, non verrebbe direttamente espulsa con le urine ma andrebbe ad accumularsi nel fegato! Ecco perché molte donne preferiscono curare l’alimentazione ma, al contempo, approfittare anche di prodotti che vadano ad agire in maniera diretta, come creme, maschere e sieri nutrienti.

Acido retinoico: l’altra faccia della medaglia

Tecnicamente, retinolo ed acido retinoico sono due cose molto diverse, anche se il secondo si ricava proprio dal primo.

In effetti, la Vitamina A è un integratore mentre l’altro è un farmaco vero e proprio: è per questo che si è diffuso il falso mito che vorrebbe questo elemento troppo aggressivo per la pelle; l’acido retinoico, infatti, può essere prescritto solo da un medico e possiede caratteristiche molto potenti, in grado di agire velocemente e in maniera più “forte”, mentre il retinolo è facilmente tollerato anche dalle pelli più sensibili, trovandosi in percentuali mai maggiori dell’1% nei prodotti cosmetici ed essendo assumibile, come visto, anche tramite multivitaminici ed alimentazione combinato con altre vitamine ed elementi.

Pro e contro

Ma quali sono, allora, queste proprietà miracolose che il retinolo promette di farci sperimentare?

Innanzitutto, come ha spiegato Silvia Galasio, educator Estée Lauder, è “l’ingrediente anti-invecchiamento per eccellenza“, che già non è poco! Inoltre, come assicurano da Allure, la sua azione potente, in grado di screpolare o arrossare la pelle, non deve spaventare, poiché è una sorta di esfoliazione “dall’interno”, ottenuta grazie all’azione dei retinoidi, in grado di lavorare ad un livello molto profondo, stimolando la produzione di collagene, levigando la pelle e migliorandone la pigmentazione.

Nonostante i tempi di attesa per vedere i primi risultati siano piuttosto lunghi (circa 12 settimane), la durata del beneficio è di gran lunga superiore è può arrivare addirittura ad un anno!

Bisogna, però, stare attenti ad alcuni fattori:

  • evitare il contorno occhi, poiché lì la pelle è più delicata e sottile;
  • in caso di pelle sensibile, meglio testare prima una zona con una concentrazione più bassa, per poi proseguire normalmente se il retinolo appare ben tollerato;
  • l’irritazione è un “effetto collaterale” collaudato – preoccuparsi solo se, trascorse due settimane, la pelle ancora non si è “abituata” al trattamento;
  • il retinolo è fotosensibilizzante, cioè rende la pelle più sensibile ai raggi del sole, in particolare agli UV che ben sappiamo essere dannosi; questo potrebbe peggiorare, invece che migliorare, i segni dell’invecchiamento, motivo per il quale si consiglia l’applicazione notturna oppure esclusivamente casalinga, lontano da fonti di luce naturale troppo intense;
  • per gli stessi motivi, evitare prodotti make up e detergenti a base di retinolo, non avrebbero il tempo di agire come si deve e sarebbero sprecati o, peggio, finirebbero per fare danni una volta esposta la pelle al sole;
  • evitare le applicazioni in estate, poiché la maggiore sensibilità della pelle potrebbe portare anche a scottature ed altri problemi più importanti.

 

Author Info

Simona Vitagliano

Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, Copywriter, Editor. Tutor di Matematica e Fisica.