Centro Benessere Napoli

I benefici dell’aromaterapia

L’aromaterapia ha, come tantissimi rami della fitoterapia, origini molto antiche che si perdono nel tempo: egizi, greci, romani sono stati tutti popoli che hanno utilizzato le piante per trarne oli essenziali da usare per la cosmetica e la medicina naturale. Nonostante questo, però, è stato solo nel medioevo che la tecnica si è perfezionata, esattamente nel secolo X, quando  un alchimista arabo, Avicenna, estrasse l’olio di rosa per fare, appunto, quella che oggi è la celebre acqua di rose, che riscosse successo immediato ed ispirò procedimenti affini per estrarre le essenze anche da altri tipi di fiori e piante.

Le tecniche

Dell’aromaterapia si può giovare in vari modi, tutti efficaci: pot-pourri, diffusori, candele, vapori, incenso, massaggi, collutorio, bagno, doccia (versando gli oli sulla spugna)…

Naturalmente, a seconda della contingenza e dello scopo va scelto il metodo più utile, anche perchè gli oli non vanno utilizzati sempre puri: per i massaggi, ad esempio, vanno diluite poche gocce in un olio o una crema neutra e lo stesso accade quando se ne mescola un piccolo quantitativo nell’acqua del bagno.

Qualche consiglio

In commercio esistono molti prodotti profumati che promettono una buona aromaterapia ma, in verità, molti sono a fragranze ricavate chimicamente e non naturalmente dalle piante o dai fiori indicati; per un vero e reale effetto fitoterapico, quindi, è sempre meglio accertarsi di fare l’acquisto giusto.

Inoltre, è possibile creare degli oli essenziali fai-da-te, in casa, utilizzando le erbe aromatiche, come il rosmarino, il basilico o l’origano, semplicemente portandone delle foglie e dei rametti ad ebollizione in un po’ d’acqua! Si possono, poi, versare nei comodi diffusori di ceramica o sfruttarne i vapori o, ancora conservarne qualche goccia in un contenitore di vetro: il rosmarino, ad esempio, si rivela ottimo per le punture di insetto e per combattere l’influenza (insieme a menta piperita e timo che, in particolare, ha effetti antispasmodici sulle vie respiratorie).

L’olio essenziale di limone, invece, è consigliato per ottenere degli ottimi collutori da utilizzare per combattere irritazioni, afte, gengiviti, mal di gola ed infiammazioni.

La lavanda ha tantissimi utilizzi: disturbi del sonno, infiammazioni, mal d’orecchie, influenza, indigestione, bronchite, ustioni solari, seda il cattivo umore, deodora la casa e la persona, allevia l’infiammazione della cervicale.

Camomilla romana, basilico, sandalo e limone svolgono una delicata azione antistress, sono quasi tutti antisettici ed antibatterici e… uno di loro (il sandalo) è anche afrodisiaco!

A questa categoria legata all’erotismo appartengono anche Ylang-ylang e Rosa, che sono anche calmanti ed utili per le funzioni intestinali, facendo coppia con il ginepro che, invece, è un rimedio da tener presente per cattive digestioni, infezioni delle vie urinarie, artrite, artrosi, cervicale e reumatismi.

Insomma, il potere della natura è nelle nostre mani: l’importante è imparare a conoscerlo, usarlo e dosarlo nel modo giusto!

Author Info

Simona Vitagliano

Uso le parole come fossero numeri e i numeri come fossero parole. Blogger, Copywriter, Editor. Tutor di Matematica e Fisica.